venerdì 27 febbraio 2009

...culo..culo...

A forza di dircelo, ci s’è cominciato a credere anche noi….3 partite risolte al 90’ e la Viola diventa la squadra più fortunata della terra….come se a Milano e Torino si fosse pescato il quadrifoglio in mezzo alle cascine, come se la partita di andata con l’Ajax (pur giocata male) non si fosse sfiorato il gol 4/5 volte….
Firenze è strana….quando la sorte ci gira bene (innegabilmente in queste ultime tre partite di campionato) tutti a dire “una grande squadra non può vincere al 90’” “si deve giocare meglio e chiuderla prima la partita e non basarsi sul colpo di culo finale” “il risultato conta fino ad un certo punto se giochi male” quando si perde solo per una botta di “sculo” al 90’ parte la caccia al colpevole…. “tutti polli” “avrei messo quello invece di quell’altro” “giocare bene e non far risultato non porta a niente”….
Eppure ieri sembrava incanalata bene… “gruppo di conto TV” a casa Maso con Gigi ed Andrea di “rinforzo”….prima birra ancora tappata e Pippo Semioli si sgrana il primo gol dopo 5 minuti….la partita prosegue e Frey deve fare solo una parata mentre pur non giocando da “mille e una notte” abbiamo il pallino del gioco e ci rendiamo pericolosi in un paio di occasioni con Gila e Mutu con il mio Monto non eccezionale ma che dà una palla d’oro a Gila non finalizzata…..dopo la prima birra ed il fischio finale del primo tempo ci diciamo soddisfatti ma amareggiati perché potevamo già essere in vantaggio!!
Il secondo tempo dopo due minuti ci fa gridare al gol ma il Gambero invece prende solo il palo e Gila spara sul portiere e a noi, al quarto gol sbagliato solo davanti al portiere ci vien da pensare “sta a vedere che sappiamo già com'è” ….come le altre partite europee di quest’anno….si gioca si gioca ma…..
Invece Mutu trova un assist al bacio, Gila fa il suo mestiere ALLA GRANDE e siamo in vantaggio……a quel punto si pensa a chiuderla o ai supplementari, l’Ajax sembra ben poca cosa……..
Prandelli cambia ed inserisce LampadinAlmiron e MartinJorgensen (tutto attaccato come canta la Fiesole) ed il nostro “gruppo di conto TV” si domanda perché due che erano una vita che non giocavano insieme, dalla stessa parte?
Purtroppo alla fine si riveleranno i peggiori in campo (ma Pippo e Gianni Donadel avevan giocato TANTO meglio?) e dal loro lato parte Leonardo (ma quello del Milan o il Thea!?!?) che con tre rimpalli, due driblling, una sponda, un rinquinto ed un ciuffo d’erba si trova al limite tutto solo e becca l’angolino…..al 90’ della gara di ritorno finisce il sogno europeo….dopo due partite in cui abbiamo dominato l’Ajax per 170 minuti su 180, dove abbiam subito solo 3/4 tiri in porta ritrovandoci invece una decina di volte soli davanti al portiere….alla faccia del culo! Ed ora partono i processi a tutti….direttore sportivo, giocatori, allenatore (qualcuno ha anche chiesto l’esonero…..)….io dico solo che bisognerebbe un attimo accendere il neurone prima di parlare….poi tutte le critiche sono “giuste” purchè il disfattismo resti a casa…..condivido in pieno quello che mi ha scritto il Biondo a fine match: “triste andar fuori…però pace ed ora speriamo di andare in champions”…..poi a giugno si farà i conti su cosa si è ottenuto quest’anno, ma senza dimenticare anche ikkè s’è fatto nei tre anni precedenti della gestione Corvino-Prandelli....

ps. fino al 90' (gli ultimi 3 minuti eravamo troppo incazz... per sentire la sua voce) al nostro “gruppo di conto TV” ha tenuto compagnia (Bud a parte) il commento del buon Di Marzio....una cosa tragicomica che oscillava da un "portiere ballerino" ad un "centravanti molto ssscccaltro" o da un "quando partono a destra Pasqual deve andare a sinistra 20 metri più avanti" ad un "perchè l'irruenza di Melo.....standby di un minuto....appunto deve fare diverso" per avere il suo culmine in mugolii e gorgheggi in vicinanza di azioni pericolose un misto tra "io che rido al noleggio video" ed il Biondo che s'incastra in un "schschschschschsch" ...una cosa divertente per i primi dieci secondi, due minuti toh....ma 90 + recupero...........

martedì 24 febbraio 2009

Sconfitti ma...a testa alta...

In formazione ridotta abbiamo affrontato una squadra sicuramente più forte di noi, ma alla quale sicuramente ad armi "non spuntate" avremmo reso la vita un pò più difficile. Squadra tranquilla quella degli avversari, che nonostante la superiorità non "esagera" mai in giocate o "finte&controfinte" che ti fanno tappare la vena....con un "testa di Maso" ritrovato all'ultimo minuto il Geppo non demerita ma è comunque un pò "spuntato", normale senza il nostro bomber e con il capitano non in perfette condizioni fisiche che comunque dà la zampata giusta per il gol della bandiera, gioco che quindi ne risente in pericolosità in avanti ed alla lunga chiude una partita poco in discussione per il dire la verità....
Ed in più...senza il nostro Gabryoscia anche le risate nello spogliatoio ne hanno risentite.....tanto che abbiamo dovuto affidarci ad un ritorno alle gag di Giuliano per sbellicarci dalle risate....certo anche lui che inventa un calendario di partite dove "l'orario non è definito ma ipotetico" ed anche la data "non è detto sia quella" ma è solo un foglio "per farvi un idea di come l'è strutturato il campionato d'ora in poi"......ti fà dire "io non so se sono cotto" o l'è Giuliano che invecchiando migliora nella sua capacità di vincere premi su premi nelle "complicazioni affari semplici"!!! Come ampiamente descritto dal Masone nel suo blog, l'è sempre stato così ma uno 'un ci si abitua mai ad un fenomeno così, ti sorprende sempre!!!

lunedì 23 febbraio 2009

Silvestri in Bikini...

Vedere un concerto ti dà sempre un emozione particolare….se poi il concerto è all’estero “vale un filino di più”….il “Silvestri show” andato in onda al Bikini quindi resterà uno dei Concerti con la C maiuscola per un bel po’ credo…..e non solo per essere stato a Barcellona. Non sono il fan numero uno di Silvestri, e lui non è proprio la mia più grande passione canora (tanto che chi frequenta questo blog conosce il mio “Vero Amore”) …..ma lo apprezzo da diversi anni ormai e con la “solita-solida” spalla del Bollins le tappe fatte ai suoi concerti (montale, sesto, prato, ri-montale….) sono diverse e tutte le volte ci diciamo che all’evenienza “siamo pronti per altri giri” per Danielao….
Al bikini, oltre il clima spagnolo, la “novità” è stata la posizione….in prima fila, nemmeno si fosse “abbonati rai”…..sensazione che avevo avuto simile solo alla Flog per il concerto del mitico Liga….sò che paragonando Silvestri a LL per molti (Dona in testa, ma in fondo anche io…) bestemmierò….ma la sensazione di un concerto che comunque ti piace ha una valenza triplicata se vissuto a pochi centimetri dal cantante…..che entrando sul palco ha riscaldato subito l’ambiente dedicando il pezzo al nostro amato Re Silvio (“che bella faccia”) e dicendo ai partecipanti spagnoli la fortuna che hanno ad essere a km e km di distanza da Arcore ed i suoi abitanti….poi il concerto è stato un crescendo, tanto che dalle prime foto un po’ timide mi sono sdato con foto, zoom e filmati tanto da dover al volo vuotare la memory card che segnava “full”….molti pezzi di Daniele hanno per me ormai un significato, da abbinare a svariate cose o persone....tipo ad un precedente concerto magari fuori città in un posto un pò sperduto ma che da allora assume un fascino particolare, oppure al Bollins che mi ride accanto quando attacca "la classifica", a pensieri sul nostro amato paese quando inizia "il mio nemico", a qualcosa/qualcuno o solo al gusto di sentir Daniele mettirci tutto sè in quella chitarra....e dopo un sorriso ad "occhi chiusi" dovuto e voluto su "occhi da orientale".... si sviluppa la scaletta, molte volte rivoluzionata al volo dallo stesso Silvestri, con pezzi nuovi, improvvisati (con un fantastico “percussionista” spagnolo tale Xavi che ha esaltato tutti con il ritmo spagnoleggiante di alcune canzoni tra cui la “paranza”), remixati e pezzi storici con il Bikini in ebollizione a “salirò” “gino e l’alfetta” “testardo” (come si dirà “mortacci tua” in catalano?!?!) e soprattutto “cohiba”….canzone SPLENDIDA…..che con il finale tutti alla batteria a “far casino” assume un che di UNICO…..su cui non puoi non cantare e/o non saltare e/o non mostrare il “pugno chiuso”…….”venceremos….venceremos….”

sabato 21 febbraio 2009

Indol'è la Catalogna?

Un giorno mi sono ritrovato a raccontare un viaggio solo "a parole" senza l'uso delle foto....ed il racconto è piaciuto...spero di sortire lo stesso effetto...effetto magari particolare, "speciale"....tipo quello di un "ricciolo amaranto"...
Certo con l'uso delle sole parole, raccontare soprattutto la bellezza di una città è dura ma anche solo descrivere la gita in sè o "almeno dì se il viaggio è unico" non è facile; quindi un pò di aiuto lo cercherò con alcune foto, senza però fare un album fotografico, altrimenti si perde il senso del "blog parlato".
Primo giorno:

La prima giornata è stata soprattutto di "spostamento"....treno Fi/Pi....volo Pi/Girona....autobus Girona/Barcellona.....metropolitana fino all'albergo....poi finalmente arrivo dato che i mezzi di trasporto erano finiti!!! La prima giornata si è sicuramente sviluppata sull'asse "bagaglio a mano-paella".....il primo era dovuto al fatto che le misure "ferree" previste per il bagaglio a mano erano per noi un ostacolo nuovo dato che nei precedenti viaggi il bagaglio era sempre stato "stivato"...la preoccupazione si è rivelata inutile dato che potevamo avere un elefante a guinzaglio e nessuno se ne sarebbe accorto! Il viaggio ci ha portato a Girona con 20 minuti di anticipo (!!!) dopo di chè la preoccupazione era trovare l'albergo che la guida ci diceva essere nella strada lungo l'insediamento romano a Barcellona....una volta trovato l'albergo il Bollins ha esordito con un "l'ho visto vai che l'è lungo le mura romane, l'è rimasto a quell'epoca!!!"....effettivamente l'unica stella che presentava era del tutto immeritata, mezza ne sarebbe bastata, evidentemente l'altra mezza l'hanno presa di resto!! Ma d'altra parte per 20 euro a notte non ci potevamo aspettare molto di più! Direzione successiva dopo la presa visione della camera senza riscaldamento e con acqua calda solo dopo 20 minuti dall'apertura del rubinetto, il ristorante che Bollins si era fatto consigliare dal "corrispondente spagnolo della S.D.B". Buon consiglio, cifra non proprio economica ma buona qualità soprattutto della sospirata paella...lo stomaco infatti dopo il panino all'aeroporto di Pisa cominciava a gridare aiuto!!!! Giro per le Rambla e per la vita notturna barcellonese e via a imbaccuccarsi sotto le coperte.....

Secondo giorno:

Dopo la prima scelta sbagliata della giornata (il bar più lento della storia con 40 minuti di attesa per un cappuccino) la prima mattinata in terra catalana si sviluppa tra la Cattedrale ed il Museo della Ciutat....cattedrale molto bella, anche se le opere di restauro alla facciata ce la fanno apprezzare solo in parte da fuori, dentro molto carica di "roba"e con molti punti da fotografia...museo che permette la visita alle fondamenta dell'insediamento romano ed illustra l'evoluzione che ha avuto Barcellona nei secoli, molto interessante soprattutto il documentario proiettato nel museo....dopo un rapido giro per raggiungere le Rambla abbiamo trovato uno spettacolo di "piramidi umane" dove dei bambini dell'eta apparente di 4/5 anni si arrampicavano come scimmiette in cima alle spalle degli altri componenti la piramide con la sola protezione di un piccolo "caschetto" e della gente intorno come cuscino....al che sia io che il Bollins in coro "siè, gli fà una sega il casco se volano di sotto"....dopo la pausa-tapas ci siamo incamminati per Placa Catalunya "in collegamento" con il nostro David Biondo Guetta personale che dopo averci fatto moccolare per i tre gol genoani ci ha fatto esultare come scemi all'annuncio della tripletta del fenomeno!!!! Serata che ha visto l'intoppo del mancato spettacolo della Fontana causa "il convegno di tre imbecilli col cellulare" ed un giro molto prolungato per trovare un posto da mangiare......dopo solita cerveza....e via.....

Terzo giorno:

Cambiando il bar per la colazione la mattinata è cominciata decisamente meglio.....anche se è arrivato a ruota subito il secondo intoppo...infatti la funicolare per arrivare al Montjiuc era "cerrada" e ci siam dovuti accontentare del bus panoramico....carino ma non la stessa cosa.....in vetta al Montjiuc (dopo una camminata notevole ma molto bella) abbiamo potuto ammirare il "mirador" della città ed il "mirador" sul porto.....il secondo molto meno interessante!!! Dopo una rapida veduta della fortezza e del castello....il nostro giro "panoramesco" (come direbbe qualcuno) al Montjuic si è concluso e ci siamo diretti verso il Camp Nou...tappa fondamentale....e lì son rimasto a bocca aperta: UNO SPETTACOLO! Come dice Bollins "la prima versione di quella che sarà la cittadella viola" ...visita virtuale con i giocatori che in pratica ti giocano di fianco, visita di spogliatoi, sottopassaggio, panchina, palco reale, sala stampa....."mes que un club" davvero....uno stadio davvero mondiale....dopo, la visita anche al museo: coppa campioni, pallone d'oro, coppa delle coppe del 96/97 (che col Bati in campo al ritorno, forse.......), maglietta di Maradona....insomma per un malato di calcio come me....il paese dei balocchi!!!! Rientro verso l'albergo con successiva cena al "secondo ristorante consigliato"....meno "pomposo" ma qualità ugualmente buona e forse un filino più economico....dos cerveza....e olè...

Quarto giorno:Giornata "centrale"....dato che il viaggio nasce con lo "spunto" del concerto di Silvestri in terra spagnola e questo era il giorno.....in attesa delle "fatidiche 21.00" del concerto ci siamo gustati un bel giro culturale.....mattinata alla Sagrada Familia....opera ancora in costruzione che ha un' atmosfera particolare, tanto è vero che la voglia di fotografarla in bianco e nero è stata automatica per darle il fascino che meritava.....la coda di quaranta minuti per salire in vetta sulla guglia è stata ampiamente ripagata dallo spettacolo ammirato dall'alto...anche se la "discesa" con l'ultima parte a chiocciola vera e proprio senza "chiusura" da un lato ha messo a dura prova la labirintite del Bollins che però ne è uscito vincitore!!! Dopo un rapido giro al museo della Sagrada....direzione Pedrera...casa senza nemmeno un muro portante in pieno stile Gaudì....bella con terrazzi fantastici e pieni di forme e di colori tipiche della mano di Gaudì....molto belle anche le stanze interne arredate nei minimi particolari. La tappa successiva doveva essere Casa Battlò ma la chiusura pomeridiana dell'unico giorno del mese ci ha impedito la doppietta Gaudiana....visita quindi rimandata al giorno successivo e in sostituzione ci siamo diretti verso la "cittadella olimpica" ed il parco che si espande nelle vicinanze delle zoo....un pò di relax in attesa del concerto....che si teneva al Bikini, semi-discoteca neanche male solo in una via "oscura" lunga km e con il locale che appare dal nulla all'improvviso! Del concerto....non essendo troppo inerente con Barcellona nello specifico ne parlerò semmai in un altro post....posso dire però che la serata è stata davvero unica, posto in prima fila, tanto da contare le goccioline di sudore di Daniele che iniziando con una dedica al ns. amato Silvio ci ha fatto sentire subito a casa!!! Ovviamente foto e video a gògò ("Fanne 8000 di foto"!!!) e corsa per prendere l'ultima metro......presa al volo!!!! Giro rambla/tapas/cerveza come da copione prima della buonanotte!!!

Quinto giorno: Mattinata cominciata con la visita a Casa Battlò (finalmente aperta!!) e con il Bollins che diceva "te lo sai che per questo prezzo deve essere DAVVERO molto bella vero!?!?" la coda è filata via liscia.....poi ingresso e un oretta e mezzo di meraviglie! Casa Fantastica! Molto meglio della Pedrera, arredata in maniera completa e perfetta....colori magnifici con l'azzurro che diventa blu scuro in un aumentare di colore nel "cortile interno"....magnifico terrazzo con solaio incredibile...e tutti gli archi che delineano la casa....da innamorarsi! Il consiglio di Lucia è stato prezioso ed azzeccato ed anche il Bollins ha dovuto ammettere "cara, ma li valeva"!! Ci siamo poi diretti al Parc Guell, meraviglioso parco un pò fuori che racchiude il relax di un parco con l'opera in pieno stile Gaudì....bellissimo e fortunati a beccarlo in una giornata di pieno sole che ci ha permesso di rilassarci, "svaccarci" un pò e poi continuare la nostra ammirazione per Gaudì! Capisco come sia stato definito "il punto preferito di Barcellona"....stranamente d'accordo.... Pomeriggio concluso poi con giro souvenir, giro nelle vie dell' "ombra del vento" e preparazione per "ultima cena".....che come da copione si è svolta con il rito del "bus a caso"....cioè prendere un autobus o più di uno direzione casuale e scendere a fermata "a caso" e mangiare nel primo ristorante.....a questo giro son servite due metro ed un autobus con diverse fermate per "accontentarci"....siam fatti così...."ci piace giohare" !!!

Sesto giorno:

Giornata finale che per molti "tratti" è simile alla prima per l'uso dei mezzi che ci ha "permesso" rientrare nella nostra Firenze.....mattinata volata via tra una passeggiata lungo il molo in una mattinata splendida ed un rapido pranzo alla Boqueria (mercato caratteristico vicino alle Rambla).....dopo un pò di "tristezza" da rientro.....intervallata dal flamenco per un'oretta sull'autobus Girona-Barcellona ("tu c'hai finito le palle con questi cd"), dal gate in ritardo di una mezzoretta (anche qui al bagaglio a mano potevamo unire due elefanti e nessuno se ne sarebbe accorto!) e dal solito Bollins col cellulare acceso in fase di volo ("tu mi fà fare delle figure!").....dopo atterrati in terra italiana....siam tornati ai soliti "standard"....con la Viola che non ci ha dato proprio un bel benvenuto perdendo in casa con l'Ajax.....ma onestamente il fascino di Barcellona era ancora troppo forte per rammaricarsi della sconfitta europea.....ci si penserà nella gara di ritorno....per ora....

Hola.....

venerdì 13 febbraio 2009

I duri hanno due cuori...

...oggi mi và così...
Un quarto alle dieci e Veleno è seduto da Mario davanti a una grappa e a un posacicche pieno.
Ognuno ha il suo Bar, il suo circolo, la sua “scuola” (ad un “quarto alle undici all’Einstein”) come punto di ritrovo; dove aspettare gli amici ritardatari, una donna che non arriverà mai, una spinta per fare qualcosa di diverso in quella serata…che non è detto che arrivi....
Lo salutano male, forse perché sanno tutto di lui o, almeno, ne sanno una loro versione....
Già…i famosi benpensanti che specie nei “piccoli mondi” (quartieri, paesi, rioni ma anche città ormai) sanno tutto di te solo guardandoti e sapendo di “rinterzo” qualcosa sul tuo mondo e sui tuoi pensieri...
Una foto di donna gli brucia da dentro la giacca chiaramente dalla parte del cuore...e la gamba gli duole del peso e del freddo di un cannone che chissà come è riuscito a trovare....
Le donne non possono che abitare alla sinistra….anche se in fotografia….dalla parte delle passioni, del cuore, dei sentimenti…di tutto quello che di forte porta e tende a “sinistra”……anche se questo a volte vuol dire avere “pesi-dolori-pensieri-grattacapi” paragonabili a cannoni che sparano non si sa dove, non si sa come….partendo dal cuore ed arrivando alle gambe…..ma comunque sia e nonostante questo, quella “foto” vale la pena

Non ha tempo né voglia di pregare Dio perché vuol contare soltanto sul suo dolore, su sei colpi e infine su di sé...
Per chi non crede in qualcosa di più grande, si deve far forza, guardare in giro, cercare un amico e lasciarsi trasportare da quella forza chiamata amicizia quando il dolore ti prende allo stomaco e non hai la forza di fare altro che dire “e ora?”…..ora c’è una voce amica che ti ascolta, ti guarda senza parlare ma ti scorge dentro e “stringendoti” le braccia ti fà capire….magari sorridendo, anche con gli occhi annuisce toccandosi la "barbaccia".....
C'è chi ha scelto la donna sbagliata e forse ha scelto per tutta la vita altra scelta che ha è a chi farla finita...c'è chi ha scritto bestemmie sul cuore però i conti per sé li sa fare e il totale non cambia anche se fa star male.
Quando scegli la donna “per tutta la vita” e la sbagli….beh credo che la voglia di trovare qualcosa o qualcuno a cui farla pagare sia forte….ti cresce la rabbia sul cuore tanto da “bestemmiare” anche se non credi, ma ti porta poco lontano ed il totale resta immutato…..
Però non piange mai se non è davvero solo...
Mai farsi vedere “debole”…..testa alta ed andare così chi vuole “parlare e fotografarti” lo fà senza il tuo aiuto…..
I duri hanno due cuori col cuore buono amano un po' di più....I duri hanno due cuori col cuore guasto odiano sempre un po' di più...
Ma la considerazione più importante è che quando ti “sdoppi” vivi tutto più accentuato….la felicità, i sorrisi, ma anche la rabbia, il dolore e la voglia di urlare repressa……e poi li definiscono duri…..ma solo perché non li vedono piangere….
Un quarto alle due e Veleno è seduto sul ponte sul fiume a vedere la pistola affondare. Adesso il freddo è reale: è passato alle ossa uscendo per forza dal cuore.
Quando non si parla di temperature fredde ma freddo dell’anima, il freddo passa dalle ossa te le irrigidisce passando dal punto che collega tutte le tue parti….il cuore….quello che “dà un senso” a tutto, quello che ti permette di “essere” e non apparire e di vivere quelle che sono gli elementi che “evidenziano” le vite: le emozioni….
Di così tanto mondo c'è solo un posto in cui possa tornare e gli scappa una stramaledizione...
Ti chiedi tante cose, ti fai tante domande, ti dai tante soluzioni ma alla fine sai che ci ricaschi….lì dove dovresti invece scappare….andare via…fuggire…..

Sta pensando che la sera dopo darà un cazzotto ad un tipo che questa sera rideva di lui e si è fatto sentire.
In qualche modo gli spigoli di essere duro devono venire fuori o perdi quel titolo che tanto piace alla gente attribuire, che ti hanno attaccato su, che ti permette di “essere” duro….
Darà pugni alla porta di camera sua e urlerà alla sua donna ed al suo amico di fare più piano e sul suo divanosi stenderà...
Sbraiti, ti fai sentire, mostri i denti….ma dopo quando capisci che non ne vale la pena….molli e ti distendi sul divano…..e lasci andare gli eventi….
C'è la notte di chi c'ha un amante e la notte di chi non ha niente e la notte per forza volenti o nolenti..
Comunque sia la notte và….che tu abbia 0 o tu abbia 10….che tu sia re o suddito, che tu creda di avere tutto e magari ti ritrovi con un pugno di mosche….la notte non ti aspetta…..và…..
C'è chi ha perso una brutta partita però, forse, una fiche gli è restata e può darsi ci sia un altro giro di ruota...
A volte chiamano “l’ultimo giro di ruota” e te non ci sei….sei da un’altra parte e ti perdi l’occasione buona….ma a volte ti resta una fiche in tasca che non pensavi di avere….ti ritrovi con quell’ultima possibilità da giocarti nonostante quella sconfitta che brucia e ti fa male….che ti segna, ti fa vacillare…..ma non cadere...non crollare.......e la fiche di un amico, di un animale (di una scimmia piuttosto che di una papera), di un sorriso, di due occhi che ti entrano dentro, di un bambino, di una donna….ti fa dire: “puntiamo sul nuovo giro di ruota”…..
E per una settimanina "Hola a tutti".....

martedì 10 febbraio 2009

Ciao Eluana

Scrivere il post sul "geppo" non è stato facile perchè dentro covavo altro....da ieri sera che ho guardato la tv tornato a casa....covavo altro....
Covavo la rabbia per tutto quello che è successo dopo l'ultimo secondo di vita di Eluana.....altro che minuto di raccoglimento o silenzio rispettoso....UNO SCHIFO.....che avrei voluto non vedere, avevo pensato di non commentare.....ma invece le cose brutte contro cui lottare è bene tenerle sempre presenti.....quindi assodato che "questa merda intorno sempre merda resterà" dico una sola parola a:
- tale gruppo "a favore della vita" per:
urlare sotto un'ospedale dove la gente soffre "assassini-assassini"
- tale fenomeno appartenente al gruppo suddetto per
aver scritto sul muro fuori dall'ospedale "PEPPINO BOIA"
- tale PDL per:
gli schiamazzi, le urla ed il grido "assassini" in Parlamento dopo il minuto di silenzio
- tale PD per:
non aver abbandonato l'aula in segno di lutto e protesta di fronte a tali "sciacalli", ma ribattendo e discutendo ha aumentando la polemica in un momento di "lutto"
- tale "avvenire" per questo che definiscono titolo:
'Non morta, ma uccisa'': questo il titolo dell'editoriale, firmato da Marco Tarquinio, che Avvenire, il quotidiano della Cei, dedica alla morte ieri sera di Eluana Englaro. Nell'articolo, Tarquinio chiedeperdono ''per ogni singola persona che ha contribuito a fermare il respiro e il cuore di una giovane donna che per mesi era stata ostinatamente raccontata, anzi sentenziata, come 'gia' morta' e che morta non era''. Ma, prosegue, chiede perdono ''ai nostri figli e alle nostre figlie'', che da oggi ''rinunceranno, forse per paura e per sospetto, a ragionare della vita e della morte con chi gli e' padre e madre e maestro e amico e gli potrebbe diventare testimone d'accusa e pubblico ministero e giudice e boia'': un'allusione chiara al ruolo di tutore e interprete delle volonta' della figlia svolto dal padre Beppino Englaro.
- tale Quagliariello del PDL per aver detto senza colpo ferire:
"Per quanto mi riguarda Eluana Englaro non è morta, è stata ammazzata".
- tale Gasparri del PDL per aver sentenziato:
"In questa vicenda peseranno le firme messe e quelle non messe"
- tale Alfano, ministro della giustizia (...) per aver disquisito:
"Eluana è morta di sentenza"
- tale cardinale Josè Saraiva Martins per aver "sermoneggiato" così:
"E' stato un omicidio" "hanno ucciso una persona innocente e incapace di difendersi".
- tale Berlusconi per questo colpo di genio:
"Eluana è in grado di generare un figlio"
- tale Alessandra Mussolini per questa nostalgia del nonno:
"Gli toglierei l'acqua ed il cibo al padre di Eluana"
e per tutti quelli che hanno contribuito ad infangare un momento di dolore di una famiglia che da 17 anni soffre......una sola parola:
VERGOGNA !!!
Da oggi seguo la richiesta di Peppino Englaro e su questo argomento non parlo più....
ciao Eluana....
un grande abbraccio Peppino....

geppo vincente...

Il Geppo rialza la testa ed infila la seconda vittoria consecutiva contro una squadra ordinata ma certo non di fenomeni, comunque senza la giusta grinta non l’avremmo sicuramente portata a casa. Arrivo negli spogliatoi e già le “note” sono fatte ed i soldi raccolti, efficienza svizzera penso….in realtà guardo l’orologio e capisco di essere in ritardo abbastanza notevole!!!! Bello stanco dalla giornata di lavoro mi preparo per il match….e penso che se sono lì e mi appresto ad uscire in pantaloncini corti con un clima non proprio “invitante” alle 21.20 evidentemente il geppo è “proprio quel vizio che non voglio smettere” …..
Comincia la partita e le due settimane di lontananza dai complicati schemi geppiani si fanno sentire, trovo a fatica la posizione ma poi comincio a correre e piano piano le cose tornano al “loro posto” nonostante il vantaggio avversario….ma il Geppo non è in serata “demoralizzata” e reagisce con il suo puntero GalgaSan che trova il pari nel primo tempo ed il raddoppio nella ripresa, con il rientrante portiere AmericanBiondin che ci dà una mano a tenerci a galla con un paio (anche tre) d’interventi dei suoi e con il fiato e la corsa di tutta la squadra….qualcuno ci mette anche qualche “piccola pedatina” ma tutti interventi “veniali” (!!!!) che costano anche un ammonizione ma onestamente non capisco il perché!!!
Chiudiamo un po’ in sofferenza ma la portiamo a casa questa vittoria e vista l’annata non era proprio scontata come cosa!!! La “cojonella” post-gara e i tempi personali di percorrenza sulle autostrade italiane di Gabry accompagnano il resto della serata che si chiude con il mio personale dubbio “ma quanto ci vorrà per arrivare a Trento?”
:-)

lunedì 9 febbraio 2009

Era largo lo zero a zero....

Che era una domenica grigia lo dovevo capire dal mancato "giro" dal focaccia per sfilacciamento del gruppo "a dopo"....tra malati, compleannati (TANTI AUGURI GABRYOSCIA), padri indaffarati & c, il classico ritrovo con ore di anticipo salta e ci troviamo in formazione rimaneggiata direttamente sui gradoni della Fiesole...Samu ci racconta della prima nottata da lavoratore dell'autogrill e mentre ci si domanda se il mio Monto potrà far bene anche dietro le punte.....la Lazio è già con Pandev solo davanti a Frey che compie il primo miracolo della giornata.....e nonostante che De Silvestri provi a darci una discreta mano facendosi buttare fuori per doppia ammonizione dopo venti minuti si continua a soffrire e tra un mancato rinvio del pisese amico del Galga ed un fermo immagine di MeloMelo la Lazio arriva altre due volte sola davanti a Frey con l'insopportabile Zarate ed il nostro portierone si lucida l'aureola e ci manda negli spogliatoi sullo 0-0....l'intervallo passa con la nostra analisi degli 11... "su chi molla e su chi tiene" ....ed a tenere sono davvero in pochi.....
Dal sottopassaggio rientra anche Com8 che sostituisce il pisese ma la musica cambia poco anche se teniamo più palla rispetto al primo tempo. Nonostante questo servono gli straordinari di San Frey ancora su Zarate ed un aiuto anche dal secondo palo laziale di giornata.....quindi, beatificazione di Frey a parte la partita scorre via senza grandi soddisfazioni, insomma lo 0-0 fà rabbia ma ci và largo...il quarto uomo ha già in mano il cartello del recupero quando il mio Monto allarga in velocità una palla a sinistra al Fenomeno che rientra sul destro e ....."vuoi vedere che ci và bene?!?".....no, un tiro lento e nemmneo troppo angolato.....ma Muslera ci dà una mano respinge corto.....e lì arriva il solito condor.....Mr. Bigliardino che la butta dentro e viene a correre sotto la Fiesole con noi in delirio........uomo-partita secondo Sky: Gilardino......evidentemente hanno visto la partita dal 90' al 91'......dato che senza nessun dubbio l'uomomatch era il portierone.....ma forse i Santi non possono gareggiare per il titolo Sky.....

giovedì 5 febbraio 2009

Scelta di vita...

Onestamente non credo di essere "all'altezza" dell'argomento di cui stò per scrivere.....ma mi è venuta spontanea una riflessione.....e volevo "buttarla fuori".....è ormai un pò che la vicenda di Eluana Englaro rimbalza su giornali e telegiornali e vista la delicatezza dell'argomento mi sono sempre fatto "scrupoli" a dire la mia, credo che infatti certi argomenti siano troppo delicati e personali perchè si possa liberamente commentare dall'esterno....convinzione rafforzata dopo che ho visto il padre intervistato da Fazio a "che tempo che fà?".....uomo coraggiosissimo, forte e di una dolcezza incredibile che parlava con calma e lucidità nonostante il dolore che deve racchiudere dentro sè, nonostante le volte che si sarà chiesto "nessuno se lo spiega perché sia successo a te " pensando alla figlia....
Di fronte ad una tale dimostrazione di civiltà e serietà secondo me l'unico commento è una stretta di mano o un abbraccio....e non potendolo fare mi sono imposto di non commentare ma rispettare....ed invece in giro sembra che tutta l'Italia sappia cosa dovrebbe fare questa famiglia, qual'è la soluzione di legge migliore, quale la scelta che farebbe Eluana stessa.....ed onestamente questo continuo dibattito mi sembra di cattivissimo gusto nei confronti della famiglia e di Eluana....proporre una sorta di "opposte opinioni" al riguardo, pro/contro....mi sembra totalmente da "cuori di pietra"....
Poi però non posso rimanere indifferente se in questa situazione mette bocca la Chiesa per dire la sua, il salotto ecclesiastico per eccellenza (Porta a Porta) ospita solo un certo tipo di tesi ovviamente contrarie a quelle della Famiglia Englaro, il Governo sembra voler intervenire per stravolgere le sentenze arrivate sull'argomento ed impedire l'esecuzione della volontà di Eluana......ed allora dico la mia.....e dico che ammiro la forza di Peppino Englaro, la sua "purezza", la capacità morale di seguire la legge per veder rispettati i suoi diritti e di sua figlia, che ha cercato nelle sentenze questo rispetto e che non ha avuto momenti di debolezza di fronte a 17 anni di sofferenze familiari ed attacchi mediatici.....credo che di "questa violenza inaudita" (parole dello stesso Peppino Englaro) nei confronti di Eluana se ne potesse fare a meno.......non voglio dire che sia moralmente lecito/giusto e non mi erigo a "tenutario" della verità come altri.......dico solo che stò con le sentenze....ma soprattutto stò con Peppino Englaro e con i suoi occhi pieni d'amore verso sua figlia.....e gli mando virtualmente (anche sapendo che non gli arriverà mai) quella stretta di mano che dopo l'intervista con Fazio mi è venuta voglia di dargli...

martedì 3 febbraio 2009

...amico Montalbano...

ANDREA CAMILLERI - "L'età del dubbio" - Sellerio
Quando ho aperto il mio primo libro di Camilleri ho pensato "ohiohi ma se 'un ci capisco nulla!!" e pensavo di aver "buttato" i soldi e che quel libro ("Il cane di terracotta") non l'avrei mai finito...invece...con pazienza ho cominciato ad applicarmi ed ho scoperto un vero e proprio mondo....infatti quel dialetto che mi sembrava "inaffrontabile" l'ho piano piano ammorbidito facendolo un pò "mio" poco alla volta....capendo prima qualche parola all'interno del contesto e dopo con una vera e propria traduzione (quasi)simultanea...e mi sono innamorato di questo scrittore che con la testa scrive di emozioni di cuore e pancia......da allora infatti non ho più saltato un appuntamento con le novità che arrivavano dalla "penna" del buon Camilleri....preferendo la lunga serie di Montalbano ai "romanzi singoli" ma non disdegnando nemmeno questi ultimi (da segnalare, a gusto mio s'intende, come uno dei migliori "romanzi singoli" "la presa di macallè"...)....e mi sono accorto che la sua produzione è costante, florida ed incredibilmente avvincente e diversa tutte le volte.....il rischio infatti di affezionarsi tanto ad uno scrittore è quello di trovare troppe similitudini con i libri precedenti.....invece Salvo Montalbano è diventato ormai come un "conoscente" di cui i libri mi raccontano gli sviluppi....dal fantastico appuntato Catarella che non azzecca un nome nemmeno sotto tortura al rapporto piena di "arruffatine" con la storica fidanzata Livia, dal questore insopportabilmente burocratico e senza "cuore" alla "mania da impiegato dell'anagrafe" del braccio-destro Fazio......
In questo "panorama" anche "l'età del dubbio" , l'ultimo libro (per ora) della serie di Montalbano che ho appena finito, ha rispecchiato totalmente le attese: coinvolgente, diverso, particolare, non banale e vivo......anche da questo libro infatti "parte sempre un pò di vita" ......vita nel suo "complesso" dalle risate alle polemiche, dai problemi alle gioie....e con delle considerazioni che mi arrivano sempre dentro....dalla politica/attualità "Montalbano, quanno ci pinsava, era cchiù che sicuro che San Giuseppi e la Virgini Maria, con la leggi Cozzi-Pini e minchiate simili, da noi non li avribbiro fatto manco arrivari alla grutta" ......ai sentimenti/emozioni (....) "in amuri, la ragione o si dimette o va in aspettativa. Se può ancora esistiri, essiri presenti, obbligarti a considerare i lati negativi e positivi del rapporti, veni a significari che non si tratti di vero amuri" ......e come tutte le volte che finisco uno dei suoi libri mi dico "già finito?" e spero che arrivi presto la "nuova puntata"......

lunedì 2 febbraio 2009

Dopo le crepes...i tortellini....

La neve di ieri su Bologna, sommata alla poca voglia di giocare dell'arbitro e la disorganizzazione bolognese avevano fatto rinviare la partita e quindi a casaMasini (che mi ospitava come al solito per il match in trasferta) è andata in onda il "direttaGol" una sorta di "tutto il calcio minuto per minuto" moderno con le immagini e non le telecronache dove l'Inter ha sbattutto contro il muro granata non andando oltre il pareggio mentre Ciccio Cozza all'ultimo minuto ci regalava una gioia pareggiando con i giallozozzi.....ma soprattuto è andata in onda la "patatina+crepes alla nutella show" che detta così sembra un troiaio invece ieri ha avuto il suo fascino.....
Il rinvio della partita ad oggi mi ha impedito di vedere gli "undici atleti" in maglia viola ed è tornato di moda il buon Guetta che al lavoro, tra una registrazione e l'altra, mi ha accompagnato nella trasferta bolognese.....strana la sensazione di lavorare e sentire di essere con la testa da un'altra parte.....già provata è vero ma rimane particolare....oggi era una trasferta importante, dopo due furti ed una vittoria risicata, una di quelle che, se c'è, "la forza della banda per forza viene fuori" per confermare i progressi di classifica e non perdere l'occasione di sorpassare gli "amici giallozozzi"......E sentendo il buon David la banda Viola si è comportata in modo migliore......due illuminazioni del Monto (chissà se al Nanne gli fischieranno le orecchie?!?!?) e due gol del rientrante fenomeno e sembra finita già al 20' del primo tempo.....poi la innata capacità viola di far segnare gente "sconosciuta" porta al gol Mingazzini ed onestamente qualche fantasma si riavvicina.....ma onestamente dalla telecronaca, eccetto qualche rischio, sembra che la partita fili via abbastanza liscia....la baracca regge insomma con un buon grado di tranquillità ed addirittura PippoFranco Semioli (!!!) trova l'assist per il Gila e......ci mangiamo questo piatto di tortellini!!!!!
Chissà adesso i gufacci malefici antiviola (che dicono di essere invece tifosi) che diranno, visto che dopo i due furti con scasso di Milano e Torino avevano già attaccato il "de profundis"......