venerdì 30 ottobre 2015

EL Diego....auguri....

Kiave di lettura n° 155

Oggi aprendo la Gazzetta per vedere le probabili formazioni per continuare a seguire quel gioco in cui non mi rassegno a non essere cosi "bono" come penso (il fantacalcio), mi trovo davanti a questo omaggio.
Oggi infatti è il compleanno del calcio. In quella magica data piena di numeri tondi, dieci e multipli di dieci che è il 30 10 60 nasce il vero e proprio rappresentante del Calcio con la C più maiuscola possibile. El Diego compie 55 anni e mi sono venute agli occhi le sue infinite magie, dai tempi del Boca a quelli del Barca, dal dipinto fantastico realizzato a Napoli alle perle realizzate in maglia argentina che hanno portato ad alzare la coppa del mondo quella fantastica maglia biancoblu; in particolare ripensare a quella nazionale argentina a quella formazione piena di giocatori medi per non dire di peggio in cima al mondo solo grazie alla sua capacità di realizzare magie in punta di scarpini mette particolarmente in evidenza la sua immensità. Una carriera fatta di splendide imperfezioni, di gol di rabbia e tecnica, di colpi di classe a ripetizionedi divertimento personale ed altrui fin dall'allenamento (quando la voglia di andarci era presente), di magie clamorose ed unicamente e splendidamente soltanto sue. Dell'extra calcio, della sua vita, dei suoi errori, delle sue odiose "mattate" è piena la cronaca e la memoria e la conoscenza di tutti. Questo però non offusca quello che ha rappresentato e che ancora oggi rappresenta: El Diez, IL CALCIO nella sua essenza migliore
Da ammiratore totale del suo genio, del suo essere semplicemente ed infinitamente il migliore, mi viene spontaneo quasi chiedergli "HAI UN MOMENTO DIO?" per rivolgergli il più spontaneo e vero augurio di buon compleanno e ringraziamento per quello che ha fatto e rappresenta. AUGURI DIEGO.

mercoledì 28 ottobre 2015

Molto molto importante

Campionato – 10^
Verona-Fiorentina = 0-2
GOAL: Marquez (aut.), Kalinic
Primo tempo:
Dopo una doppia partita ai vertici alti, la partita più impegnativa a livello mentale arriva con la trasferta in casa dell’ultima in classifica in assoluto bisogno di punti e per di più cugini di un gemellaggio forte e storico. Pauuuulo schiera una squadra super offensiva con il Fenomeno accanto a Kaliniccio e con dietro Iliciccio. A metà campo Vecino a Vecino (ahah) gioca BorjaMagia. Prendiamo subito il pallino del gioco anche se non arrivano grandi occasioni a fronte del tanto possesso palla (“ma segnare?” cit) anche grazie alle randellate (“ci stanno cazzottando fitto fitto” cit) del buon, sì proprio buono, Matuzalem che becca il giallo solo al quarto fallo da cartellino. Tra una gomitata ed un intervento a forbice Kaliniccio prima si sgranocchia un gol non male poi provoca una carambola gollonzata anzi autogollonzata di Marquez sul primo cross non addosso all’avversario del 23. Sul finire di tempo il Verona pressa un po’, senza esagerare, ma ci manda in confusione (“sono allo sbando ma che anche a noi ci fanno andare in caciara” cit) e finiamo con un po’ di affanno anche grazie ad un pubblico veronese davvero trascinante (“pubblico del verona uno spettacolo” cit)
Secondo tempo:
Inizio secondo tempo meno aggressivo del Verona, ma con una Viola che sembra ancora confusionaria per accendersi improvvisamente con una bella giocata sull’asse del Fenomeno con Kaliniciccio che inizia l’azione per poi concluderla a porta vuota dopo un assist al bacio del Fenomeno (ed un bel movimento di Iliciccio….che pare un controsenso…). I campi di mister Pauuuulo vanno nell’ottica di mettere “SUDORE ED UN MINIMO DI CUORE” con Badengj e Berna che irrobustiscono la metà campo.
Praticamente la partita finisce qui, ed è circa il decimo, se si eccettua una nostra melina/possesso palla continuato e disarmante per il Verona che non trova sbocchi dopo poi i cambi che danno quadratura, unico pensiero il cambio per DonChuckAstori sperando che non sia niente di grave
Kommento:
Partita che mi faceva inizialmente una gran paura, non tanto per il timore del bis del contatto Rossi-Marquez preannunciato da varie fonti internet e poi dal commentatore, ma invece per il fatto di una concentrazione che poteva abbassarsi dopo una doppia sconfitta in partite di alto livello. Se si toglie un quarto d’ora di attacchi confusionari del Verona, TataTataTata non credo abbia fatto una parata che sia una e tranne qualche cross i pericoli sono stati davvero zero. Padroni del campo, magari non troppo cinici sottoporta ma vittoria che pesa davvero tanto, più di quanto possa dire il fatto che sia avvenuta contro l’ultima in classifica. Adesso continuare così….
FORZA VIOLA....SEMPRE....
"TAKKO AI' GIRO" - Spazio tecnico BollinsGestito
"....a me la legge dei grandi numeri sui pareggi mi faceva paura...comunque anche se con uno dei più brutti gol della storia, il rimpallo di culo, s'è vinto partita importante....ora noi si pareggia col Frosinone? iolaeeee …”
LE PAGELLE

Tatarusanu
6
Un paio di uscite da brivido ma comunque presente
Roncaglia
6,5
Preciso senza sbavature, annulla tutti
Gonzalo
6
Non brillantissimo ma di sostanza
Astori
6,5
Forse il più brillante dietro, recupero molto importante su un possibile pericolo da 1-2
Kuba
5,5
Appannato spinge poco
Vecino
6,5
Leader in mezzo al campo
Barja Valero
6
Non dispensa le sue solite magie ma c’è
Pasqual
6
Al quinto cross riesce a non beccare l’avversario e nasce lo 0-1
Rossi
6,5
Più pimpante delle ultime volte, piano piano….arriva anche ad un importante assist. Forza Pepito
Ilicic
5,5
In piedi di rado e poche giocate degne di nota se si eccettua il movimento sullo 0-2
Kalinic
7
Si mangia un discreto gol poi però provoca lo 0-1 credendoci e si costruisce e realizza lo 0-2
Bernardeschi
6,5
Corsa e impegno, buon impatto
Badelj
(era Babacar prima della segnalazione)
6
Sostanza importante al momento giusto
Tomovic
Sv
Non giudicabile
Paulo Sousa
6,5
Primo tempo di sostanza con buon predominio territoriale secondo totalmente in controllo
MIGLIORE E PEGGIORE:
MIGLIORE
Kalinic
Peggiore
Kuba

lunedì 26 ottobre 2015

A testa alta....

Campionato – 9^
Fiorentina-Roma = 1 - 2
GOAL: Salah, Gervinho, Babacar
   
Primo tempo:
Con AlonsoIlTerzino ancora non al massimo per giocare, mister Pauuuuulo decide di affidarsi a Berna terzino a tutto campo confermando sostanzialmente quella che sembra la squadra ormai “battezzata” titolare in campionato. La partita davanti ad un Franchi gremito dopo tanto tempo, con colpo d'occhio davvero notevole, parte invece subito male “meglio di così come tu potevi cominciare??” (cit) grazie ad una chiusura che lascia a desiderare del duo BernAstori proprio sul fischiatissimo egizianuccio che devoto com’è dopo il gol prega. Sembra la mazzata che stende il toro invece reagiamo, siamo padroni del campo e Kaliniccio davanti al codice fiscale romano si mangia un bel gol. Non ci abbattiamo e manteniamo il pallino del gioco fino ad un angolo per noi che si trasforma in un contropiede folle (per chi lo prende) dove treccinaGervinho parte indisturbato dalla sua metà campo ed arriva in porta viola altrettanto indisturbato. La ripartenza nasce da un intervento a gamba tesa di DeRossi ma difendiamo in maniera folle con Gervinho lasciato solo a trequarti con nei pressi solo Badengi un po’ come lasciar domare un incendio ad un piromane. Così si va sullo 0-2 con la rabbia di quella gambatesa non sanzionata che sommata al fallo di mano fuori del codicefiscale di cui sopra fa ragionare su quel “hanno ritarato il giochino nella pausa” (cit) già ampiamente previsto e che qualche pensiero “CHE TUTTO SIA COMUNQUE SCRITTO” lo fa anche venire. Vecino ci va davvero Vecino ad accorciare le distanze, Iliciccio meno ma comunque ci prova ed al the dell’intervallo ci andiamo sotto di due.
Secondo tempo:
La ripresa si apre con una super occasione giallozozza (l’unica ad eccezione dei gol) dove Tata e soprattutto un super salvataggio sulla linea di Berna ci evitano il terzo gol. Dopo continuiamo a giocare praticamente noi, trovando pochi spazi e quando invece si aprono spiragli confermiamo la domenica no con Iliciccio che continua a non aver confidenza con la porta, Kaliniccio che tira alle stelle solo davanti al portiere, BorjaMagia (ieri meno) che tira su Pepito, Pepito che segna in fuorigioco e Baba appena entrato che non conclude a pochi passi. La ripresa è nostra ma il gol lo troviamo solo a qualche secondo dalla fine con lo stesso Baba e non basta per il primo pareggio della stagione. Veniamo scavalcati anche come capolista ma la rabbia è soprattutto non aver sfruttato le tante occasioni prodotte.
Kommento:
Il sogno/gioco di essere i capolista finisce dopo due domeniche di scontri diretti persi. Ma da queste due partite, sarà che sono inguaribile ottimista quando si tratta di maglia Viola, usciamo rafforzati. Abbiamo giocato alla pari con due squadre onestamente più attrezzate, con rosa ed obiettivi superiori ad i nostri ma in queste due partite non si è visto questo divario. Ieri il buon omino col fischietto, non quello per l’egizianuccio, c’ha messo del suo ma quando sei così pollo da beccare un contropiede dalla trequarti avversaria da TreccinaGervinho al trentesimo del primo tempo hai anche poco da ridire. Abbiamo sprecato occasioni su occasioni e la bile non è stata proprio felicissima ma alla fine la partita è stata un bel vedere e menomale che il frontale che il capitano ha fatto fare ai miei denti ed alla fronte del Maso non è stato definitivo ma solo contusivo. Restano alcuni misteri, come il mettere Ciuffino all’ala o la fine che hanno fatto le tonsille del capitano, ma dall’altra parte non si può sempre avere certezza. Adesso abbiamo due partite di altro genere una dietro l’altra, dove la concentrazione e l’impegno deve rimanere ai livelli di ieri e di Napoli, non abbattendoci per il non poter più dire di essere capolista e per aver perso due volte 2-1 sostanzialmente entrambe le volte immeritatamente per il gioco espresso. Avanti così, testa alta e….
FORZA VIOLA....SEMPRE....
"TAKKO AI' GIRO" - Spazio tecnico BollinsGestito
"....prima o poi un pareggio tu lo farai anche…pur di non mettere l’omonero s’è inventato berna terzino, come fai a non amarlo il Sousa…ce ne siamo mangiati sei, preferivo pigliarne un ballino…”
LE PAGELLE
 
Tatarusanu
5,5
Sul primo gol non reattivissimo, sul secondo imbullettato in porta, nella ripresa buon intervento ad evitare lo 0-3
Roncaglia
5
Si sperava tutti facesse il “suo” sull’egizianuccio, in realtà è spaesato sul secondo gol e poco reattivo in genere
Gonzalo
6
Prestazione sufficiente per impegno
Astori
5,5
Non preciso sul primo gol e buca clamorsamente ad inizio ripresa un rinvio che poteva essere definitivo. Poi si riprende e fa un bel secondo tempo
Kuba
5,5
Spaesato per tutto il primo tempo migliora nella ripresa ma con pochi sprint dei suoi
Vecino
6,5
Sostanza e grinta, sta crescendo davvero bene
Badelj
5,5
Giornata non esaltante, sverniciato da Gervinho sul gol e poco lucido in regia
Bernardeschi
6,5
Qualche sbavatura ma partita davvero da incorniciare per voglia e grinta
Ilicic
5
Troverebbe l’assist giusto per Kaliniccio in una partita altrimenti totalmente anonima
Borja Valero
5,5
Non è in serata, cresce nel finale quando arretra la sua posizione
Kalinic
5
Farebbe come al solito una gran partita per posizione e sponde ma troppo pesanti i due errori sottoporta
Mati Fernandez
5
Impalpabile
Rossi
6
Ci prova con triangoli e spunti interessanti
Babacar
6,5
In pochi minuti un tiro fuori di poco ed un gol
Paulo Sousa
6
La squadra domina o comunque è sempre in partita, qualche sbavatura ed il cambio di Mati lasciano qualche perplessità
MIGLIORE E PEGGIORE:
MIGLIORE
Bernardeschi
Peggiore
Kalinic

sabato 24 ottobre 2015

Una passeggiata con Kappaviola

Kiave di lettura n° 154
Kiave di lettura settimanale che arriva proprio mentre sei in attesa di ispirazione e di far fluire la penna in modo migliore superando una sorta di blocco di scrittura e sperando che le parole "CHE CERCHI IN GIRO" prima o poi arrivino.
Ed allora mi capita di "girellare" per il blog, di soffermarmi su alcune cose del mio cassetto di tracce che ho voluto condividere; di ripercorrere alcuni Giovedì da Scrittore di qualche tempo fa in cui avevo altra costanza ed altro ritmo di scrittura; di sorridere a rileggere alcune zingarate vissute e messe per scritto con i soliti "compagni di viaggio" preziosi; di risentire alcuni pensieri di momenti diversi misti tra malinconie, sorrisi, emozioni e sogni; delle mie due passioni infinite tra canzoni e gol.
Ripercorrendo le kiavi di lettura, il katalogo così denso e una passione da 10 di cui sono ancora oggi così tanto orgoglioso chiudo il mio giro su kappaviola ed alla fine penso che presto questo periodo di penna "scarica" passerà ed il blog sarà qui ad aspettarmi ed ad accogliere quanto e quando sarò in grado di produrre. Abbi pazienza ancora un po' kappaviola....e grazie per questa passeggiata....

lunedì 19 ottobre 2015

Sempre primi.....

Campionato – 8^
Napoli-Fiorentina = 2-1
GOAL: Insigne, Kalinic, Higuain
Kommento:
Eravamo alla prova del nove, la trasferta di Napoli infatti era la partita giusta per valutare la tenuta dell’improvvisata capolista Viola
Napoli in grande crescita nell’ultimo periodo ma Viola che da quanto si è potuto vedere dalle immagini gentilmente concesse dal tabletBura e dal BiondoTrecontratto non ha patito l’emozione del grande match, aldilà del fatto che il pallone si vedeva e non si vedeva e che i bicchieri bevuti e quelli davanti al tablet rendevano la visione un po’ offuscata.
Peccato perché l’avevamo ripresa e perderla per un pallone cincischiato e regalato a metà campo fa davvero rabbia. Comunque sia, l’impressione è  che la squadra ci sia e creda nei suoi mezzi, tanto che Reina c’ha messo del suo per tenere in piedi la vittoria del Napoli ed il comune giudizio è che  “PERSI O NO SIAMO ANCORA IN PIEDI” anzi forse forse con ancora più convinzione e con ancora una settimana da capolista visti gli altri risultati. Alla fine ci si può stare ed andare anche oggi orgogliosi di questa squadra, pensando a domenica prossima ed ad un altro esame importante…
FORZA VIOLA....SEMPRE....
LE PAGELLE
Vista la difficoltà nel riconoscere il pallone e nel distinguere tra giocatori, arbitri ed avversari, Kappaviola si affida al giudizio dell'inviato speciale Maso che per l'occasione s'è rivisto la partita in differita (era dal trenta che uno 'unvedeva una partita in differita).
GRAZIE MASO
Tatarusanu
6
Tomovic
5
Non giocherebbe nemmeno nell'Akragas
Gonzalo
5,5
Astori
6
Alonso
6
Non ho capito il suo cambio, spero non si sia fatto nulla
Badelj
6,5
Con Kalinic il migliore
Vecino
6
Kuba
6-
Bernardeschi
5+
Con tomovic il peggiore
Kalinic
7
Un paio di giocate da vero fenomeno
Borja
6
Ilicic
6
Assist e cazzata sul gol di higuain. Sarebbe tra i migliori se non avesse fatto la cappella
Roncaglia
5,5
Babacar
Sv
COMMENTO
Primo tempo parecchio bene, s'è fatto la partita noi per trenta minuti, nel secondo siamo andati subito sotto su buca di tomovic e poi s'è sbagliato tanti passaggi.
Forse sono stato un po' basso coi voti ma in fin dei conti s'è perso, si possono anche alzare di 0,5 a tutti tranne che a Tomovic
MIGLIORE E PEGGIORE:
MIGLIORE
Kalinic, Badelj
Peggiore
Tomovic, Bernardeschi